Pubblicato il Lascia un commento

Pemulwuy: Il “selvaggio fastidioso” che ha guidato gli aborigeni contro i colonizzatori australiani

Pemulwuy ha evitato con successo la morte per mano dei colonizzatori che ha resistito che il suo popolo è arrivato a credere che fosse in realtà impermeabile a guidare.

Pemulwuy

Wikimedia COMMONSUN incisione di Pemulwuy di Samuel John Neele.

Il combattente della resistenza aborigena noto come Pemulwuy era un guerriero così resistente che la sua gente arrivò a credere che fosse impermeabile ai proiettili. Un colono britannico scrisse anche che Pemulwuy aveva “alloggiato in lui, in colpi, lumache e proiettili circa otto o dieci once di piombo”, e riuscì comunque a sconfiggere circa 30 dei suoi nemici.

Alla fine del xviii secolo, guidò battaglie di guerriglia contro i coloni europei che invadevano le sue terre in Australia e riuscì persino a scongiurare la colonizzazione e la distruzione dei suoi territori — per un certo periodo.

Inizia la Resistenza

Pemulwuy nacque intorno al 1750 (la data esatta è sconosciuta) nella zona di Botany Bay come membro di una tribù di boschi aborigeni sul lato settentrionale del fiume Georges, nel Nuovo Galles del Sud. Il suo nome deriva dalla parola Darug pemul, che significa terra o argilla.

Sarebbe venuto a soffrire sia un occhio sinistro danneggiato e un piede sinistro danneggiato (in un atto che potrebbe essere stato intenzionale come parte di un rito che lo segna come un uomo capace di guarire e dispensare giustizia tra il suo popolo — i conti variano). Tuttavia, si dimostrò mortale con una lancia, una spinata con pietre rosse fissate con gomma da masticare.

Tali competenze presto è venuto in aiuto come indigeni australiani al momento è cresciuto nessuno troppo soddisfatto con la continua invasione di coloni bianchi sulle loro terre. Si riferivano a loro come Gunin bada, che è Darug nativo per ” mangiatore di merda.”

L’epiteto sembra un eufemismo se si considera che molti hanno saccheggiato le terre aborigene per la propria agricoltura e persino rapito i bambini aborigeni. Quasi 1.500 coloni erano arrivati su quella prima flotta in Australia dall’Inghilterra nel 1787, insieme ad animali stranieri, armi e malattie. Secondo alcuni resoconti, un’epidemia mortale di vaiolo tra la gente di Pemulwuy nel 1789 fu l’impulso per quei primi attacchi di violenza tra i nativi e gli europei.

Ma quando Pemulwuy lanciò il guardiacaccia del governatore, John McIntyre, nel 1790, le relazioni divennero veramente sanguinose. McIntyre era uno dei tre detenuti nominati per la caccia alla selvaggina una volta esaurite le scorte dei coloni. Era “temuto e odiato dal popolo Eora” e avrebbe commesso atti così raccapriccianti contro gli aborigeni che i suoi colleghi si rifiutarono di registrarli — e così raccapriccianti che Pemulwuy si sentiva giustificato a spearing lui a morte.

I coloni identificarono Pemulwuy come il colpevole dai caratteristici barbe trovati nella lancia che uccise McIntyre. Presto, il governatore Philip King ordinò una spedizione di circa 50 uomini con accette e sacchi per la testa per uccidere sei indigeni della tribù di Pemulwuy e catturarne due per l’esecuzione.

In risposta a questo decreto di violenza, Pemuluwy lanciò una serie di attacchi contro i coloni, anche se di tipo meno violento. Si intrufolò nei piccoli insediamenti dei colonizzatori, li saccheggiò per il cibo e saccheggiò le loro case.

La caccia all’uomo per Pemulwuy

Governatore Philip King

Wikimedia CommonsGovernor Philip King del Nuovo Galles del Sud, nemesi di Pemulwuy.

Dopo le ostilità, il governatore King tentò un approccio più diplomatico e parlò con Pemulwuy. Implorò di lui, “Pemulwuy. Dovete rendervi conto che le persone del mondo si stanno formando in un certo numero di imperi. Siete abbastanza fortunati da essere stati selezionati per entrare a far parte dell’Impero britannico.”E quando Pemulwuy rimase impassibile, minacciò il guerriero di essere “spazzato via”, a cui Pemulwuy rispose solennemente, ” O lo sarai, Capitano.”

” Questa terra ti odia”, disse Pemulwuy, ” Anche se ci uccidi, questa terra ti disprezzerà.”

A questo punto, il governatore non aveva più pazienza per Pemulwuy. Preferirebbe vedere il guerriero morto piuttosto che sopportare altre resistenze. Mandò una squadra di ricerca per catturare il guerriero, ma non riuscì a convincere nessuna delle altre tribù a consegnarlo. Per anni, Pemulwuy avrebbe eluso la cattura.

La battaglia di Parramatta

La diplomazia pacifica non poteva essere raggiunta tra i coloni e Pemulwuy. Semplicemente non li voleva sulla sua terra e così la violenza continuò. Pemulwuy guidò una violenta rivolta contro il loro insediamento attraverso molteplici attacchi. Lanciò bestiame, bruciò capanne, distrusse i raccolti e attaccò i coloni.

Durante un raid del 1797 condotto da Pemulwuy in una fattoria a Toongabbie, fu ferito da sette pallettoni alla testa e al corpo. E ” stato portato in ospedale, ma è riuscito a fuggire, pur avendo un ferro intorno alla gamba.

Nonostante le sue ferite, Pemulwuy e circa 100 altri guerrieri presto marciarono verso gli insediamenti di Parramatta e minacciarono di lanciare chiunque si mettesse sulla loro strada. I soldati aprirono il fuoco e fecero cadere almeno cinque indigeni, tra cui Pemulwuy, che fu ferito alla testa e al corpo. Ma il grande guerriero riuscì a fuggire e perseverare ancora una volta, portando il suo popolo a credere che fosse impermeabile al comando.

Come ha detto il precedente governatore John Hunter in 1798:

“Una strana idea è stata trovata a prevalere tra i nativi rispetto al selvaggio Pe-mul-way, che era molto probabile che si rivelasse fatale per lui alla fine. Sia lui che loro hanno avuto un’opinione, che, essendo stato spesso ferito, non poteva essere ucciso dalle nostre armi da fuoco.”

Il governatore King, tuttavia, aveva tutte le intenzioni di dimostrare che la teoria era sbagliata. Ha offerto una sfilza di premi per la morte o la cattura del guerriero, alcuni dei quali inclusi 20 litri di rum e due paia di vestiti solo per qualsiasi informazione. Nonostante questo, anche il governatore ha dovuto ammirare lo spirito di Pemulwuy. Pemulwuy era “un terribile parassita per la colonia”, scrisse il governatore, ma ” era un personaggio coraggioso e indipendente.”

In effetti, Pemulwuy era un combattente così appassionato che convinse persino alcuni detenuti bianchi della colonia penale dei coloni a combattere insieme a lui.

La morte di Pemulwuy

Busto di Pemulwuy

australianfrontierconflicts.com.auN busto di Pemulwuy.

Tuttavia, il 2 giugno 1802, Pemulwuy fu finalmente ucciso. Fu colpito da un colono di nome Henry Hacking che fu tentato dalla ricompensa offerta dal governatore. La sua testa fu rimossa, conservata e rimandata in Inghilterra dove fu conservata nella collezione del noto scienziato Sir Joseph Banks. Per un periodo nel 19 ° secolo, la testa rimase al Royal College of Surgeons di Londra, ma da allora è stato perso.

Dove si trova ora la testa del grande guerriero è un’ipotesi di chiunque, ma molti esperti ipotizzano che sia probabilmente in un seminterrato di un museo da qualche parte in Inghilterra. “È del tutto possibile che sia solo seduto in un cassetto o accantonato da qualche parte”, ha lamentato uno di questi esperti.

Ma anche se il destino della sua testa rimane incerto, il potere della sua eredità non lo fa. Gli anziani aborigeni si sono avvicinati al governo britannico nel 2010 nel tentativo di trovare la testa del loro grande guerriero. Anche se non hanno ancora avuto fortuna, forse la storia di Pemulwuy può alla fine avere una fine più adatta per un guerriero così eroico.

Quindi, leggi come gli aborigeni sono considerati la cultura più antica della Terra. Quindi, scopri di più sul deplorevole genocidio aborigeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.