Pubblicato il Lascia un commento

Prevenzione della trasmissione madre-figlio

PMTCT page body

Per prevenire con successo la trasmissione verticale dell’HIV dalle madri ai loro bambini, i paesi devono intervenire a livello comunitario, attraverso programmi di prevenzione della trasmissione madre-figlio (PMTCT). Questi interventi PMTCT possono adottare una o più delle seguenti strategie: coinvolgimento maschile in PMTCT, peer mentorship, uso di operatori sanitari della comunità, promemoria basati su telefoni cellulari, trasferimenti di denaro condizionali, formazione di ostetriche, integrazione di servizi PMTCT e rinvii migliorati. Gli approcci basati sulla comunità sono essenziali perché molti degli ostacoli che impediscono l’adozione dei servizi PMTCT si verificano a livello comunitario. Programmi efficaci cercano di migliorare i tassi di iscrizione, ritenzione in cura, e risultati di trattamento di successo tra le coppie madre-bambino.

MEASURE Evaluation ha contattato PEPFAR (United States President’s Emergency Plan for AIDS Relief)—e altri programmi sostenuti da donatori che implementano programmi, a livello comunitario, per sostenere la prevenzione delle attività di trasmissione madre-figlio-per ottenere strumenti di raccolta dati. Gli strumenti raccolti sono quelli utilizzati dai lavoratori della comunità in Nigeria, Etiopia, Sud Africa, Uganda, Kenya, Costa d’Avorio, Repubblica Democratica del Congo e Botswana per monitorare l’assistenza domiciliare e i servizi forniti alle madri e ai loro bambini e condurre attività di comunicazione di cambiamento comportamentale per le donne incinte e le madri (di neonati) che vivono con l’HIV. Gli elementi di dati più comuni tra questi strumenti sono stati incorporati negli indicatori di questa raccolta. Ogni indicatore è accompagnato da una definizione. Queste definizioni sono state specificamente progettate per informare la raccolta dei dati da parte di programmi e agenti della comunità.

  • Numero di persone che sono stati testati per l’HIV e ricevuto i loro risultati
  • Numero di persone che vivono con l’HIV che conoscono il loro stato
  • Numero delle persone attualmente in terapia antiretrovirale
  • Numero di persone note per essere sul trattamento di 12 mesi dopo l’inizio della terapia antiretrovirale
  • Numero di persone che risultano positivi al test per la tubercolosi che aderiscono al trattamento
  • Numero di persone identificate esperienza sessuale, fisico o emotivo violenza
  • il Numero di persone raggiunte con individuali o di piccolo gruppo a livello di comunità HIV-interventi di prevenzione
  • Numero di persone che sono nutrizionalmente valutato e ha ricevuto la nutrizione consulenza e terapeutici o di cibo supplementare
  • Numero di persone, con i riferimenti per servizi negli ultimi tre mesi
  • Numero di persone che hanno completato i riferimenti per servizi negli ultimi tre mesi
  • Numero di HIV-esposti i neonati che ricevono un virologica test per l’HIV entro due mesi dalla nascita
  • Numero di HIV-esposti i neonati che vengono allattati esclusivamente al seno a tre mesi di età
  • Numero di nascite da HIV-positivi donne assistite da personale sanitario qualificato
  • Numero di donne sieropositive che hanno ricevuto terapia antiretrovirale durante la gravidanza
  • Numero di donne sieropositive che hanno ricevuto cure prenatali almeno quattro volte prima del parto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.